Arcaplanet amplia la sua presenza con Josas: aperti tre nuovi store a Roma

arcaplanet roma

Arcaplanet amplia la sua presenza con Josas: aperti tre nuovi store a Roma

Arcaplanet, la catena italiana specializzata nella vendita di prodotti e servizi per gli animali, espande la sua presenza a Roma.

In linea con la crescente tendenza del settore dedicato alla salute e al benessere degli animali domestici, Arcaplanet, marchio controllato da Agrifarma, ha inaugurato tre nuovi punti vendita nel quadrante ovest della Capitale.

Il team di Josas ha seguito le operazioni di intermediazione immobiliare, individuando le location per l’attività di commercio al dettaglio della nota catena di pet store, secondo le esigenze del nuovo format di “prossimità” richiesto dal cliente.

I tre nuovi store di Arcaplanet aperti con la nostra collaborazione sono:

  • Circonvallazione Cornelia 56 (con doppio ingresso su Largo Boccea)
  • Via di Donna Olimpia 55-59a
  • Viale dei Colli Portuensi 527

Le tre location si caratterizzano per il posizionamento in tratti commerciali ad alto traffico  veicolare e soprattutto pedonale, al fine di fornire un punto di riferimento alle attività di vicinato del quartiere.

Chi è Arcaplanet

Arcaplanet è tra i maggiori gruppi italiani di pet care e pet food, nato vent’anni fa dalla grande passione per gli animali dei fondatori. Conta più di 360 punti vendita direzionali (non in franchising) distribuite sul territorio italiano e più un canale e-commerce.
A supporto dello sviluppo della rete, gestisce in autonomia un magazzino logistico con grandi spazi che consente il rifornimento diretto dei punti vendita.
Alla base dell’idea imprenditoriale c’è quella di fornire un grande assortimento di prodotti di qualità e un servizio che avvicini i proprietari di animali domestici a modelli di alimentazione e di cura più consapevoli.

Negli ultimi tempi Arcaplanet è sotto i riflettori per alcune spontanee manifestazioni d’interesse da parte di fondi internazionali per le ottime performance rilevate dal brand e soprattutto per il boom di fatturato registrato durante la pandemia, quando molte famiglie hanno deciso di adottare un animale domestico.